PVC: storia e caratteristiche del materiale più diffuso per produrre le card 

pvc per le cardLe card in PVC sono le più diffuse sul mercato; quando è nato il materiale utilizzato per la loro produzione? E quali sono le caratteristiche che lo rendono così utilizzato?

Il PVC, in termini chimici cloruro di polivinile, deriva dalla combinazione di due elementi: il cloruro di sodio, proveniente dal comune sale da cucina, e il petrolio, da cui si estrae l’etilene

Si tratta di uno tra i materiali più antichi adoperati dall’industria chimica e industriale. La sua scoperta avvenne in maniera accidentale, alla fine dell’800, quando il fisico-chimico francese Henri-Victor Regnault e, in seguito, il chimico tedesco Eugen Baumann, sintetizzarono il PVC a partire dal dicloruro di etilene, un gas estremamente tossico e molto infiammabile. Tale gas veniva fatto solidificare alla luce del sole e il risultato del processo di sintesi dava origine ad un solido piuttosto difficile da lavorare. Nel 1913 questa tecnica – chiamata polimerizzazione con luce solare – fu brevettata dall’inventore tedesco Friedrich Heinrich August Klatte. 

Soltanto con la crisi del 1930 ebbe inizio la produzione in massa del PVC, come sostituto della gomma naturale, il cui costo era diventato molto elevato. Le caratteristiche che hanno reso questo materiale così diffuso sono la sua elevata resistenza termica, la duttilità, il costo contenuto e la completa riciclabilità

pvc cardA partire dagli anni Ottanta, grazie, appunto, al suo prezzo, il cloruro di polivinile ha conquistato quote di mercato in diversi ambiti, dai serramenti ai prodotti per la casa, fino alle card in PVC. Per la produzione di queste ultime viene usato per la sua flessibilità, resistenza alla temperatura e capacità di essere laminato.

Per quanto riguarda la resistenza alla temperatura, il PVC ha una temperatura di esercizio compresa tra -10°C e 62°C; quando si supera questo valore, esso si trasforma cambiando il colore e le molecole che lo compongono si irrigidiscono, rendendo il materiale molto friabile. Suggeriamo sempre di non superare i 50°C durante la sua lavorazione: oltre tale valore, infatti, potrebbero generarsi deformazioni o curvature.

Queste temperature, che possono sembrare molto elevate, si raggiungono durante la stagione estiva in diverse zone del nostro Paese; vi consigliamo, quindi, di non dimenticare le vostre card in PVC in auto…

CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME NASCE UNA CARD IN PVC

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere in tempo reale le ultime novità.

Privacy

Grazie! Iscrizione avvenuta.