codifica card con banda magnetica

BANDA MAGNETICA

Le card con banda magnetica presentano una striscia nera o colorata posta sulla parte posteriore. Tipici esempi sono: le gift card e le carte privative.

Leggi di più
Ognuno di noi nel portafoglio ha una carta di credito, un bancomat o la carta dei servizi con la banda magnetica, la striscia nera o colorata posta sul retro della card. Questo tipo di card risponde allo standard ISO 7811, che ne descrive la posizione, la codifica delle card con banda magnetica e la coercitività. La coercitività è l’intensità del campo magnetico e viene misurata in Oersted. La banda magnetica può essere inserita nella card seguendo due metodi: flush-on, vale a dire inserita all’interno del processo di laminazione – o roll-on, ovvero applicata.

BARCODE

Le card barcode sono tessere basate sulla tecnologia visiva: sopra di esse sono stampati un numero e un codice a barre, oppure un QR Code o un Data Matrix. Tipici esempi sono: le gift e le loyalty card.

Leggi di più
Con questo tipo di tecnologia il dato sulla card è fisso e immodificabile. I codici a barre possono essere classificati in due categorie: codici a barre 1D (unidimensionali), in cui le informazioni presenti sono organizzate in senso orizzontale, dipendono dalla larghezza di barre e spazi e vengono lette da sinistra verso destra; codici 2D (bidimensionali), che hanno la forma di un quadrato costituito da un insieme di piccoli quadrati bianchi e neri. Esempi di codici bidimensionali sono il QR Code, il Data Matrix e il PDF417.
card con barcode
card con barcode

BARCODE

Le card barcode sono tessere basate sulla tecnologia visiva: sopra di esse sono stampati un numero e un codice a barre, oppure un QR Code o un Data Matrix. Tipici esempi sono: le gift e le loyalty card.

Leggi di più
Con questo tipo di tecnologia il dato sulla card è fisso e immodificabile. I codici a barre possono essere classificati in due categorie: codici a barre 1D (unidimensionali), in cui le informazioni presenti sono organizzate in senso orizzontale, dipendono dalla larghezza di barre e spazi e vengono lette da sinistra verso destra; codici 2D (bidimensionali), che hanno la forma di un quadrato costituito da un insieme di piccoli quadrati bianchi e neri. Esempi di codici bidimensionali sono il QR Code, il Data Matrix e il PDF417.
card con chip a contatto

CHIP A CONTATTO

Le card contact sono dotate di un piccolo componente elettronico solitamente color oro, che viene letto attraverso l’inserimento della tessera in un lettore. Tipici esempi sono: le carte privative, le card per controllo accessi, la carta d’identità elettronica e la tessera sanitaria.

Leggi di più
Le card a contatto si presentano sempre con un chip all’esterno; il micromodulo presenta dei piccoli tagli, che rappresentano i contatti che servono per trasferire i dati all’esterno. I micromoduli hanno 6 oppure 8 contatti. Le smart card a contatto sono regolate dallo standard internazionale ISO 7816 e si possono suddividere in tre grandi famiglie: memoria libera (tecnologia di lettura I2C); memoria protetta; microprocessore.

RFID

Le smart card contactless sfruttano la tecnologia RFID, che consente alla carta di essere letta senza alcun contatto con il reader. Tipici esempi delle tessere RFID sono: le card per controllo accessi e serrature elettroniche, i badge per rilevazione presenze e i buoni pasto.

Leggi di più
La tecnologia di identificazione a radiofrequenza funziona sulla base di tre componenti: un transponder o tag, composto da un chip di silicio e da un ricetrasmettitore a radiofrequenza, un’antenna e un reader che scambia informazioni con il tag, attraverso l’antenna. Nelle card RFID l’antenna è integrata all’interno del supporto della tessera.
card rfid
card rfid

RFID

Le smart card contactless sfruttano la tecnologia RFID, che consente alla carta di essere letta senza alcun contatto con il reader. Tipici esempi delle tessere RFID sono: le card per controllo accessi e serrature elettroniche, i badge per rilevazione presenze e i buoni pasto.

Leggi di più
La tecnologia di identificazione a radiofrequenza funziona sulla base di tre componenti: un transponder o tag, composto da un chip di silicio e da un ricetrasmettitore a radiofrequenza, un’antenna e un reader che scambia informazioni con il tag, attraverso l’antenna. Nelle card RFID l’antenna è integrata all’interno del supporto della tessera.

CHIP RFID

Forniamo più di 70 chip, anche combinati tra loro: scegli la frequenza più adatta alle tue esigenze!

CHIP IN BANDA LF

125 KHz frequency

CHIP IN BANDA HF

13.56 MHz frequency

CHIP IN BANDA UHF

868 MHz frequency

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere in tempo reale le ultime novità.

Privacy

Grazie! Iscrizione avvenuta.