Close-to-me-il-wearable-per-il-distanziamento-sociale_coversito_mobile_prezzo

COSA DICONO DI NOI…

CASE HISTORY SI.BE.G. srl

S.I.BE.G. srl, dal 1960 la società di imbottigliamento di bevande a marchio “The Coca-Cola Company” nel territorio siciliano, ha adottato il portachiavi per il distanziamento sociale “Close-to-me” all’interno degli stabilimenti di Catania e di Tirana.

«“Close-to-me” è un dispositivo piccolo, che si può portare al collo tutto il giorno e non dà fastidio. Acusticamente ci avverte quando si entra in contatto con un altro dispositivo, ma senza recare inquinamento sonoro importante. Inoltre, è collegato con un software, tramite cui possiamo scaricare tutta la storia di ogni dispositivo con cui si è entrati a contatto a meno di un metro e mezzo. Queste sono le caratteristiche vincenti di “Close-to-me” rispetto ad altri dispositivi sul mercato, che sono più grandi, utilizzano tecnologie talvolta più avanzate, ma che non erano necessarie per l’utilizzo che ne dobbiamo fare noi».

Leggi di più…

Gaetano Russo

Procurement Manager, SI.BE.G. srl

Alcune funzionalità non sono abilitate a causa della preferenze sui cockie che ha adottato!

Questo accade perchè alcune funzionalità segnate come “Google Youtube” usa cookie che lei ha scelto di mantenere disabilitati. Per poter vedere questo contenuto, abilitare i cookie: click per aprire le tue preferenze sui cookie.

CASE HISTORY CAST SPA

CAST Spa, azienda leader nella raccorderia oleodinamica per l’alta pressione, ha fornito “Close-to-me” a tutti i suoi dipendenti per garantire il rispetto del distanziamento sul luogo di lavoro. 

«Noi abbiamo scelto “Close-to-me” perché era l’unico dispositivo che ci permetteva di non tenere conto del tracciamento dei dati. Come scelta aziendale non volevamo avere dei portali specifici, dei sistemi di tracciamento che tenessero conto dei contatti, per un problema di privacy e di normativa GDPR europea. Tra tutti i prodotti, quello meno invasivo secondo noi, dal punto di vista della privacy, era proprio “Close-to-me” e quindi siamo andati su questa opzione».

Sergio Ronco, Vice Presidente, CAST Spa

Vai al comunicato stampa

“Close-to-me”

è il primo dispositivo in Italia che, indossato da due o più persone presenti all’interno della stessa stanza, identifica il “distanziamento sociale”.

cloud application

Chi utilizza 

“Close-to-me”?

GRAFICA-SETTORI-APPLICATIVI

BRACCIALETTO O PORTACHIAVI?

Close-to-me è disponibile in due versioni, sia come elegante braccialetto sia come portachiavi: scopri il formato più in linea con le tue esigenze.

Caratteristiche

  1. Localizzazione
  2. Distanziamento sociale
  3. Bluetooth BLE
  4. Led e pulsanti
  5. Vibrazione

Il dispositivo può memorizzare internamente l’ID degli altri dispositivi che si sono avvicinati alla soglia definita. I dati raccolti possono essere facilmente scaricati su un’app installata su uno smartphone o un gateway BLE dedicato.

 

Guarda il video!

ww close-to-me

"Close-to-me" WW

ww close-to-me

"Close-to-me" KF

ww close-to-me

"Close-to-me" WB

ww close-to-me

"Close-to-me" KW

“Close-to-me” funziona così: basato sulla tecnologia a radio frequenza, crea una bolla radio – a bassa frequenza e non invasiva – intorno alla persona. Quando non viene rispettata la distanza, un suono acustico e una vibrazione lo segnalano. Il dispositivo è non invasivo, pensato soprattutto per semplificare le procedure relative alla riapertura delle aziende e implementabile facilmente in tempi molto ridotti”. Infatti il prodotto è disponibile anche con l’opzione di monitoraggio remoto: attraverso l’installazione di un Gateway che permette di scaricare tutti gli allarmi quando “Close-to-me” è nello stesso arco, è possibile il collegamento al software “Nextome”, verificando così il rispetto del distanziamento sociale del dipendente. Clicca qui per scaricare il manuale.Con “Close-to-me” puoi approfittare del credito d’imposta: Nel DL 23/2020, all’art. 30 si specifica che per incentivare l’acquisto di attrezzature volte a evitare il contagio del virus COVID-19 nei luoghi di lavoro, il credito d’imposta (già previsto all’articolo 64 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18), trova applicazione secondo le misure e nei limiti di spesa complessivi ivi previsti, anche per le spese sostenute nell’anno 2020 per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e altri dispositivi di sicurezza atti a proteggere i lavoratori dall’esposizione accidentale ad agenti biologici e a garantire la distanza di sicurezza interpersonale.
Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere in tempo reale le ultime novità.

Privacy

Grazie! Iscrizione avvenuta.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per mostrarti mappe e video di Google. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e quelli di terze parti (Google, Youtube). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore, se non li abiliterai non potrai vedere alcuni video e mappe di Google. INFORMATIVA PRIVACY